primavera

Si tratta di aspettare che accada qualche cosa, che arrivi la primavera, comprare dei fiori al mercato, svegliarsi presto la mattina, leggere citazioni fantastiche, bruciarsi la retina con le eclissi, meteore sopra la testa, aurore boreali perdute nel nord del cuore, amiche d’infanzia che d’improvviso diventano pasticcière palermitane (complimenti, moscerino), ascoltare la radio dal divano il venerdì sera, e non più da sola!, aspettare ritorni, stendere i panni, tradurre piano ma sempre, arrabbiarsi per il lavoro malnato ma nonostante tutto riproporsi di fare del proprio meglio, smussare i propri cattivi umori per ammorbidire l’ambiente, sopravvivere con spensieratezza?, o dimenarsi, comprare dei fiori al mercato, andare a passeggio per la città sull’acqua, nuotare o sperare di nuotare, i fiori sono in tinta con le tende del salotto, filtra una luce strana – saranno le nuvole di questo giorno di marzo, amici carissimi, odore di casa, il letto da rifare, poesie barcellonesi che tornano regolarmente a stare con noi, qualche fraterno senso di colpa, non nascondiamoci che siamo di passaggio eppure ci crediamo la cosa più importante per noi stessi.

Annunci

Informazioni su greenbean

El búho deja su meditación, limpia sus gafas y suspira. Una luciérnaga rueda monte abajo, y una estrella, se corre. El búho bate sus alas y sigue meditando. Federico Garcia Lorca
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...