L’ora più crudele

Crudele ora le 07.30, e ancora più feroce la puntualità della sveglia.

E’ suonata nel momento in cui, dopo due mesi di assenza, la porta della capanna si è aperta ed è entrato l’uomo che la lontananza appena trascorsa mi aveva fatto capire di amare. Nel silenzio totale, incredulo, mio e del vecchio alle mie spalle, lui avanza di tre passi; io gli scorro incontro, ci abbracciamo.

E’ un abbraccio sordo, fatto di sollievo e taciti ringraziamenti. Non è stretto né convulso, assomiglia piuttosto ad uno stare uno di fronte all’altro molto vicini, con la testa di ciascuno sulla spalla altrui. I miei occhi sono chiusi, il suo braccio è piegato dietro la mia schiena, l’avambraccio tocca le mie scapole, sento la sua mano sotto la mia spalla. E’ poggiata, distesa, aperta: immobile come un’affermazione.

La mia mano sinistra risale lungo la sua colonna vertebrale a qualche centimetro dalla sua pelle, non lo tocca fino a quando arriva alla nuca. Allora si posa e accarezza i capelli.

Gli occhi restano chiusi. Come se non potessi credere che dopo non aver saputo niente della sua sorte per giorni e settimane ora lui sia di nuovo con me.

Il vecchio, ignaro del significato del nostro lungo e pensoso abbraccio, parla. “Ragazzo, non abbiamo più saputo nulla di te da due mesi… avresti potuto scrivere…”

Vorrebbe continuare ma percepisce di colpo l’irrealtà del silenzio che nessun altro si occupa di rompere – tace, mentre mi vede inclinare indietro la schiena a una lentezza tale da rendere il movimento quasi impercettibile. E mentre l’uomo mi china piano in questo infinito casché al rallenty e io vengo sopraffatta dalla dolcezza del gesto… suona la sveglia.

Annunci

Informazioni su greenbean

El búho deja su meditación, limpia sus gafas y suspira. Una luciérnaga rueda monte abajo, y una estrella, se corre. El búho bate sus alas y sigue meditando. Federico Garcia Lorca
Questa voce è stata pubblicata in die Träume, trash novels e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...